Si è chiusa la Granfondo Fausto Coppi 2015

E’ stata definita un’edizione da record la Granfondo Fausto Coppi di quest’anno. Boom di partecipazione e una percentuale alta di stranieri. Ecco i numeri, i vincitori e il saluto speciale degli organizzatori dedicato a chi, nella gara, ha lasciato un triste vuoto.

 

2200 iscritti e circa 2000 partenti; oltre il 30% proveniente dall’estero. Al primo posto la Francia, seguita dall’Olanda e dai paesi scandinavi. Si è calcolato l’arrivo a Cuneo di oltre 6.000 persone per il weekend.

La Granfondo Fausto Coppi Le Alpi del Mare 2015 è senz’altro una delle più suggestive e impegnative maratone ciclistiche d’Europa. Attraversa le valli Varaita, Maira, Grana, Stura e Gesso, con la sua punta più alta sul Col Fauniera (2481m). Due i percorsi: una Mediafondo di 111 km e 2500 m di dislivello e una Granfondo di 177 km con 4125 m di dislivello.

Partiti alle sette da Piazza Galimberti in centro a Cuneo in una mattinata limpida, i 2.000 ciclisti si sono divisi al viadotto Soleri, 600 metri dopo la partenza. A destra per il lungo ed a sinistra per il medio.

Il gruppo della Granfondo si è mostrato compatto quasi fino a Venasca, dopodiché si sono verificati i primi tentativi di fuga, progressivamente ripresi fino a quando si è staccato un gruppo di cinque persone guidato da Andrea Gallo (ASD Pedala Sport Canale), seguito da Damiano Lenzi (ASD Atelier Della Bici, Domenico Romano (Biemme Sport Team) e da Paolo Castelnovo (ASD Team UCSA). Dietro Matteo Bordignon (Biemme Sport Team).

A partire da quel momento, i cinque colleghi, di comune accordo, hanno impostato una fuga che li ha portati a staccare nettamente il resto del gruppo. Uniti fino a Castelmagno, sulla salita del Fauniera, a circa 70 km dall’arrivo, si sono separati. Andrea Gallo, insieme a Lenzi e Castelnovo, hanno staccato gli altri.

I tre gareggiano vicini fino quasi alla cima del Fauniera, poi è ancora Gallo che nella discesa tenta il tutto per tutto. Riesce a distanziare gli avversari e si avvia, in solitaria, verso il traguardo. E vince, arrivando a Cuneo alle 12,50 dopo oltre 60 km da solo, con 8’ 06” sugli inseguitori e dopo 5 ore e 50 di gara. Dietro di lui, si sono piazzati Damiano Lenzi e poi Paolo Castelnovo.

Tra le donne ha vinto la torinese Olga Cappiello (Team De Rosa Santini), seguita da Anna Maria Nunia (Sc Vigor Cycling Team) e da Chiara Musso (ASD Atelier della Bici). La Cappiello è arrivata al traguardo dopo 7 ore 6 minuti, staccando le avversarie di 13’57”.

Nel percorso medio vittoria di Davide Aufiero (Equipe Exploit) e nelle donne di Erica Magnaldi (Team De Rosa Santini).

La cerimonia di premiazione è stata annullata dopo aver appreso la notizia della morte di Marco Giraudo, di Cuneo. Il ciclista del team ASD Bocciofila Cuneese sezione ciclismo è stato colto da malore mentre con un amico affrontava l’ultima salita del percorso medio, quella di Madonna del Colletto. Nonostante il veloce intervento dell’ambulanza al seguito della corsa e successivamente dell’elicottero del 118, i tentativi di rianimazione sono stati inutili.

Questo il saluto di Presidente e Vice Presidente dell’ASD Fausto Coppi On The Road:

“Nello sport come nella vita vi sono momenti belli come la giornata di grande ciclismo a cui abbiamo assistito oggi (domenica 12 luglio n.d.r.) e momenti terribili come quello che oggi è successo. La morte di Marco Giraudo, “Giri” per gli amici, ci ha scosso nel profondo e non solo in qualità di organizzatori dell’evento. Marco era un ciclista ed un amico! Non lo dimenticheremo mai. Oggi il nostro pensiero più forte e caro va alla sua famiglia: la moglie Barbara, le due bimbe Emma e Camilla, la sorella. Così abbiamo pensato di dar loro un tangibile segno del nostro affetto, che certo non riuscirà a supplire alla mancanza di “Giri”, ma potrà sicuramente essere d’aiuto in questi momenti difficili. Abbiamo aperto un conto per raccogliere fondi per la famiglia di Marco. Il conto è alla Banca BRE (intestato a ASD Fausto Coppi on the road) – IBAN IT98B0690610200000000028497 – causale “Raccolta fondi PRO GIRI”. Ringraziamo di cuore i tanti amici e ciclisti che hanno già contribuito e tutti coloro che lo faranno ancora” .

 

Un ringraziamento speciale a: deluxeServicesItalia